COSTRUZIONE SERBATOI GPL SKID Palermo

Costruzione serbatoi GPL SKID

La IMIP, analizzando attentamente lo sviluppo del mercato GPL per autotrazione, e delle apparecchiature a corredo dell’impianto, ha avviato la produzione di serbatoi SKID, di intesa con gli organismi certificati.

Tali impianti, avendo tutti gli elementi e apparecchiature di corredo sopra il serbatoio, riducono al minimo lo spazio occupato, permettendo alla strumentazione di entrare all’interno della sagoma del serbatoio, con evidenti benefici: la delimitazione della zona a rischio di esplosione, la riduzione dei costi di installazione.

Il serbatoio viene interrato direttamente, come previsto dal D.P.R. 340/03. Infatti, tale decreto prevede la possibilità di realizzare l’impianto senza la cassaforma in cemento armato, attraverso l’interramento diretto con impianto a protezione catodica contro la corrosione.


Componenti impianto GPL - impianto SKID IMIP

Gli impianti SKID sono all’avanguardia e realizzati in conformità con le normative legali a livello mondiale.


Nel dettaglio, i componenti di un impianto GPL sono:

Cisterna GPL

• 1 cisterna GPL da 30 mc compresa la copertura per cassaforma

Gruppo di pompaggio

• 2 elettropompe di erogazione GPL di tipo esterno soprabattente.

• 2 basamenti di sostegno in ferro per il sostegno delle pompe 

• 2 valvole di regolazione automatica

• 3 valvole a sfera DN32 PN40

• 4 manometri a bagno di glicerina• 6 valvole portamanometro• 2 valvole di non ritorno PN40 DN32

Manichette di travaso

• 1 manichetta di travaso 2” completa e collaudata

• 1 manichetta di travaso 1” completa e collaudata

• 1 valvola di intercettazione PN40 DN 25 

• 1 valvole eccesso flusso PN40 DN50 

• 1 valvole eccesso flusso PN40 DN25 

• 1 Indicatore visivo di passaggio PN40 DN50


Tubazioni ed accessori

• tubazioni da DN 80 - 65 - 50 - 40 - 32 - 25 - 15 e della lunghezza necessari alla realizzazione dell’impianto meccanico sul serbatoio. 

• giunzioni mediante flange a collarino per saldare di testa alle tubazioni, tra flangia e flangia verrà interposta guarnizione e il serraggio avverrà mediante bulloni.
• curve mod. LR 90 sch. 40, riduzioni, tee sch. 40


Organi di sicurezza e controllo installati sul serbatoio

• 2 valvole di sicurezza a molla originaria con apertura automatica a 17,65 bar in entrata M 1”1/2 NPT ed in uscita M 2” NPT 

• 1 Collettore per valvole di sicurezza DN 65

• 1 Scarico in candela collegato agli attacchi di uscita delle valvole di sicurezza 

• 1 Cassetto disimpegno per valvole di sicurezza

• 2 Attacchi in uscita per valvola di sicurezza 2” NPT x DN 65

• 1 Indicatore di livello fisso a pescante per indicazione del livello massimo di riempimento completo di contatto minimo livello per blocco di sicurezza delle pompe esterne

• 1 Manometro a stagno di costruzione adatta per uso GPL, a bagno glicerina

• 1 Valvola porta manometro a tre vie


Valvole a sfera di intercettazione con corpo in acciaio nelle seguenti quantità

• 2 PN40 DN50 con operatore pneumatico S.E.

• 2 PN40 DN40 con operatore pneumatico S.E. 

• 5 PN40 DN25 N° 1 PN40 DN20 per drenaggio serbatoio

• 5 valvole deviatrice a tre vie

• 2 valvole eccesso flusso

• 1 valvola di non ritorno PN40 DN50


Centralina di emergenza ESD

La centralina è funzionale all’interfaccia del sistema d’emergenza dell’impianto, con il sistema di emergenza dell’autobotte di rifornimento, pulsante di emergenza e presa pneumatica ad innesto rapido.


Esclusioni

• tutte le opere edili

• riempimento con sabbia

• erogatori

• tubazioni esterne

• impianto elettrico

• pozzetto prova metrica

• quadro elettrico

• impianto antincendio 

• tutto quanto sopra non espressamente indicato

I servizi di manutenzione prevedono visite di controllo nella verifica della funzionalità degli accessori di sicurezza e dei relativi sistemi di protezione esatti dalle normative tecniche di riferimento.

In caso di esito positivo dei controlli, in seguito alla visita viene rilasciata una certificazione dello stato di conservazione del serbatoio e dei suoi accessori di sicurezza, tramite sottoscrizione di un modulo di “Certificazione di manutenzione”. La certificazione può essere rilasciata dall’Azienda distributrice, firmata da chi ha eseguito il controllo, che deve essere in possesso di qualifica tecnica.


Per informazioni sugli interventi di costruzione e manutenzioni di depositi GPL a Palermo, potete contattare IMIP S.r.l. alla mail: ufficiotecnico@imipsrl.it, o compilare il form nella pagina dei contatti.

Per i contatti telefonici: tel. 0917722463 / cel. 3295610424.